Angelo Cicco Nizzo: The King of the Night!

Scritto da Occhio dell'Arte il 18 Gennaio 2015 •  ( Clicca sull'immagine per vederla in dimensioni reali)

Lisa Bernardini ha avuto il piacere di scambiare una lunga chiacchierata con un personaggio tra i piu' noti delle notti romani. Anzi: The King, come lo ha definito la nostra Presidente.

Buona lettura: una intervista a cuore aperto fatta ad inizio 2015 al noto Angelo Ciccio Nizzo per augurare a tutti uno splendido nuovo Anno!

Lo Staff


*********************************************************************************

Angelo Ciccio Nizzo : nel mondo degli eventi della notte romana sei una garanzia ed un lasciapassare .

"The King".

Da quanti anni sei sulla cresta dell'onda?

Ti ringrazio per avermi definito  "The King",di essere una garanzia ed un lasciapassare; a volte complimenti del genere fanno molto piacere,soprattutto se detti da una persona che stimo,un'esperta nel campo; questo mi ripaga di tante cattiverie dovute all'invidia e gelosia,che ho dovuto superare ed ignorare,anche perche' io ho sempre amato molto il mio lavoro,e forse per questo ho avuto grandi soddisfazioni da persone eccellenti e sensibili che hanno saputo interpretare il mio modo di essere. 

Devo precisare che io non sono mai stato un semplice P.r., ma mi sono sempre sentito il "padrone di casa",un direttore artistico, che difficilmente si ripete,  ed ogni evento per me e' stato uno spettacolo irripetibile a partire dagli ospiti da me invitati;  in ogni evento avevo un bel discorso filosofico e sociale fra le righe, e  non a caso mi sono inventato i famosi “dopo” prima teatrali,per promuovere il teatro giovane che difficilmente poteva promuoversi senza denaro, dando spazio ai giovani talenti,scegliendo personalmente spettacoli ed artisti che meritavano. 

Non ho mai dimenticato infatti la mia precedente attivita' come assistente alla regia di numerosi spettacoli teatrali. 

Questo non solo mi ha facilitato e dato la possibilita' di conoscere grandi artisti come i Fratelli Giuffre', Milly Carlucci, Eugenio ed Edoardo Bennato, Carlo Buccirosso,Lina Sastri, Marisa Laurito, Renzo Arbore e tanti altri che mi hanno onorato della loro simpatia ed amicizia.

In quel periodo sono stato un ottimo P.r. teatrale che riempiva le sale. 

Soprattutto questo mi ha fatto capire l'importanza della  notizia sulla stampa dello spettacolo teatrale che io regalavo, creando l'evento ed ospitando le varie compagnie con una particolare attenzione per i giovani artisti che io intuivo come talenti. 

Ho proseguito con eventi dedicati al Cinema italiano d'Autore che non avevano possibilita' economiche per promuoversi, i famosi Film low budget (incontri con il cinema ravvicinato all'Alien, Gilda di Roma e Gilda on the beach di Fregene); portando i protagonisti delle pellicole: registi,attori,autori ed il cast nell'evento,offrendogli il famoso buffet dopo la prima e facendoli conoscere alle nuove generazioni; farli incontrare per poter parlare della loro comune passione,scambiandosi notizie ed informazioni sui film futuri. 

Ho proseguito con Mostre d'Arte solo per una notte, presentazioni di libri e compleanni v.i.p.,coinvolgendo sempre persone attente e gente allegra. 

Si puo' dire che sono sulla cresta dell'onda da oltre 25/30 anni e che i miei eventi sono diventati una guida per molti clubs italiani.

 

Come hai iniziato? c'e' un percorso particolare per diventare un P.r. di successo come te?

Ho iniziato tanto tempo fa', durante il mio periodo di studi all'Universita' di Napoli; frequentavo l'istituto universitario orientale I.U.O., studiando lingue,in particolare cinese,inglese,francese e studi di religione comparate e storia dell'arte,laureandomi in lettere e filosofia con indirizzo storico,archeologico e artistico; forse da questo deriva l'appellativo di" filosofo della notte "(come spesso mi ha definito la stampa nazionale). 

Per mantenermi indipendente,  la notte facevo il dj ed in quel periodo il dj era anche un P.r; andavo a Parigi, non solo per esercitarmi nella lingua,ma per scegliere anche le anteprime musicali da portare a Napoli (che arrivavano in Italia con un ritardo di svariati mesi) oppure andavo a Roma dall'amico Claudio Casalini che in quel periodo era sempre aggiornato sulle nuove tendenze ed era l'unico che aveva i dischi di importazione nel suo negozio. 

Ho sempre avuto molti amici che mi seguivano; ricordo bene la discoteca Jiungla di Marechiaro; quando c'ero io era la discoteca numero uno. 

Li' conobbi Patrizia Pellegrino, allora bellissima e giovanissima; io mettevo un disco e scendevo in pista per ballare con lei; ho sempre amato molto la musica e la danza.

Per farla breve,  arriviamo all'apertura dell'Alien, in via velletri di Roma nel 1989-90. 

Il mio caro amico Architetto Giusto Puri Purini,autore del restyling della sala Picchetti, trasformata nella disco piu' stravagante di roma: nasce l'Alien, dove io mi sono sempre occupato del super prive',la famosa voliera V.i.p.,dove potevano accedere pochi eletti.

Mi presento' il Dott Giancarlo Bornigia,  e da allora abbiamo avuto un sodalizio eccezionale.

All'alien avevo carta bianca con il mio tavolo e la poltrona rossa ha visto la presenza e l'allegria dei personaggi internazionali; cito solo Quincy Jones in compagnia di Eddie Murphy che gentilmente mi ringrazia delle birre offerte a sua figlia,conosciuta pochi mesi prima...i Take That all'apice del loro successo, Simon Le Bon ,Al Pacino, allora a Roma per girare un film; Massimo Lopez era di casa, Tiziana Foschi e la Premiata Ditta, Valeria Marini che in quel periodo era sempre insieme a me, la compagnia dei ballerini americani di "Saranno Famosi" che a fine serata riaccompagnavo nel loro residence; Raoul Bova agli inizi,ventenne; Manuela Arcuri che si esibiva sui cubi come ballerina … e moltissimi altri che il solo elenco riempirebbe pagine e pagine.

Ho seguito il Dott Bornigia in tutti i suoi nuovi locali: oltre al Gilda/Piper/Alien di Roma,all'Acqua Piper di Guidonia dove sono stato definito sulla stampa "il Re dei gitani della notte" per aver portato oltre 4000 persone e V.i.p. per l'inaugurazione. 

Il periodo indimenticabile e storico e' stato il Gilda on the beach di Fregene,creando eventi spettacolari: cito solo il compleanno, uno fra i tanti, dell'indimenticabile Silvia Koscina: consapevole che quello sarebbe stato il suo ultimo compleanno a causa di una malattia che aveva; lei ha voluto salutare i suoi amici: il compianto Giuliano Gemma,i Fratelli Vanzina, Nino Manfredi e sua moglie e tantissimi altri grandi del cinema che sapevano della sua malattia e l'amavano molto; una serata che mi ha emozionato enormemente. Tanti altri eventi ho organizzato che ormai sono affidati alle cronache: ho avuto l'onore di ospitare personaggi del calibro di Mel Gibson, Mickey Rourke, Carlos Santana, Vittorio Gasmann (solo per citare i piu' noti). 

Quello era il periodo che arrivavano sceicchi,principi e famiglie reali internazionali. 

Credo che il Gilda on the beach restera' nella mia memoria come un locale magico,affascinante e irripetibile in un momento storico straordinario in cui Fregene era la vera perla del Tirreno.

Il  percorso particolare per diventare P.r. e' sicuramente quello dell'amore ed il piacere di comunicare con tutti,dal principe al baristaallo studente, dalla star alla semplice ballerina,e condividere con tutti il piacere dello stare bene insieme in compagnia,facendo attenzione alle persone che in quel momento ti sono di fronte.

Sicuramente un 'ottima educazione e cultura sono elementi indispensabili; la conoscenza minima di 2-3 lingue parlate correttamente aiuta la comunicazione.

Buongusto,carisma e personalita' fanno il resto; l'amore per il ballo ed il bello aiuta infine moltissimo.

 

A chi devi dire grazie e perche' nel corso della tua carriera?

Devo ringraziare prima di tutto mio padre e mia madre che mi hanno lasciato libero di scegliere la mia strada; e poi tutti quegli amici che mi hanno voluto bene, facendomi sentire felice.

In particolare ringrazio l'Architetto Giusto Puri Purini per avermi fatto conoscere il grande ed indimenticabile Giancarlo ,che come me amava il suo lavoro e si divertiva a far divertire le migliaia di persone che hanno frequentato i suoi molteplici locali, ospiti e clienti che affollavano ogni nuovo locale dove io lavoravo; mi sentivo onorato e partecipe nel fare il padrone di casa, ideare eventi, serate a tema ed ogni sera per me era una festa; mi e' sempre piaciuto coccolare e far sentire a proprio agio tutti gli amici ed ospiti importanti di prestigio che mi venivano a trovare. 

Buona musica e ballo in bella compagnia.

 

A chi sei legato da amicizia anche nella vita,e non solo nel lavoro,tra tutti i personaggi del mondo dello spettacolo che frequenti?

Se regalo la mia amicizia e' per sempre, a tutti; spetta a loro coltivarla e non tradirla! 

Fra gli amici che frequento e che per anni mi hanno seguito ne potrei elencare molti; ne cito solo alcuni tra i piu' cari,senza offendere la sensibilita' dei non citati; tra i migliori e costanti nel tempo sicuramente il primo e' il Principe Guglielmo Giovannelli Marconi (suo padre Principe Carlo Giovannelli era gia' mio amico), Laura Lattuada, Lorenzo Pucci della Genga di Spoleto,  il mio conterraneo regista Giorgio Crisafi e Graziano Marini pittore,l'attore Alex Partexano, Adriana Russo, Demetra Hampton, Tony Esposito, Ciccio Giuffrida, Sebastiano Somma, Carlo Buccirosso, Irma Capece Minutolo e sua zia omonima la soprano, Amedeo Goria, Claudio Simonetti, l'Avvocato Nino Marazzita, Carmen Di Pietro, Solange il sensitivo, lo stilista Renato Balestra, Paola Pazzaglia,il dj Onofri,il dj Nick Peloso (uno dei piu' noti dj producer), la grande Lina Sastri, Pino Ammendola autore,attore,regista; inoltre: Maria Letizia Gorga, Aldo Montano, Mario Zamma, Leopoldo Mastelloni, l'attrice Francesca Stajano, Giucas Casella,l'artista Elvino Echeoni e tanti tanti altri... 

 

Hai piu' rimorsi o rimpianti nella vita?

Ho sempre vissuto pienamente la mia vita,  seguendo il mio istinto con la massima liberta',  e pensando sempre che la vita e' breve; vivendo tutti i giorni come se fossero un dono divino e, come dico in una mia modesta espressione, " ho voluto vedere per forza il paradiso anche in questo inferno". 

Ho vissuto ogni notte come se fosse l'ultima; non ho rimpianti,ma ho il rimorso di non aver potuto seguire e vedere crescere mio figlio Valentino che in un attimo da bambino e' diventato un uomo,un bravissimo archeologo.

Io la notte e lui il giorno,la storia del passato; per il momento ha pubblicato “solo” sei libri e ne sono orgoglioso.

 

Chi sara' il tuo erede? Lo hai gia' individuato?

Sinceramente non saprei individuare un mio eventuale erede; c'e' una tale confusione di P.r.,sembra che vada molto di moda,un po' come i dj...sono talmente tanti...per loro fare il P.r. significa solo “fare un tavolo” o piu' di uno se sono bravi. 

Io ho sempre preferito far risparmiare i miei amici,facendoli entrare "free". 

Condividevo con loro le mie amicizie e la gioia di stare bene insieme almeno per quella notte.

 

Il tuo augurio per il 2015?

Il mio augurio per il 2015 e' sinceramente quello di uscire dalla crisi "dei valori", ritrovare quella solidarieta',collaborazione e condivisione degli stessi ideali, per un benessere comune; “senza invidia e gelosia si vive meglio in compagnia”.

Vi auguro un 2015 pieno di felicita',che e' l'unica cosa che non costa molto; la puoi trovare persino dentro te stesso, nel sorriso di un bambino,  nella bellezza di un tramonto,  nel sognare un amore. 

Non dimenticate mai di cercare la felicita': e' un bene contagioso,e si trasmette a chi ti sta vicino.

Anche in paradiso si sta male da soli! 

Senza amici con i quali ridere,scherzare,condividere la felicita' ; ed il bello e' bello. 

Un grande abbraccio dal Vostro 

Angelo Ciccio Nizzo.

 

 Nella foto che correda l'articolo: Angelo Ciccio Nizzo (immagine presa dal web)