Il Rinascimento per Emiliano Chiarugi

Scritto da Occhio dell'Arte il 14 Aprile 2016 •  ( Clicca sull'immagine per vederla in dimensioni reali)

IL RINASCIMENTO PER EMILIANO CHIARUGI

Un maestro d’arte 

Intervista a Emiliano Chiarugi, un artigiano, un maestro d’arte.

Di Cristina Vannuzzi Landini 

Le “Botteghe”, si sono sempre chiamate così, fino dal Rinascimento, e sono sempre più le botteghe, soprattutto a Firenze, più che le aziende, quasi un clone moderno di quelle tipiche del Rinascimento, a portare avanti con successo la manualità e l’estro dei maestri conciari italiani, i maestri d’arte, fondamentali nella moda, che con il loro estro, sono senza concorrenza per livello qualitativo. Chiarugi Firenze nasce nel 1969 seguendo la tradizione artigianale della pelle fiorentina, una storia di famiglia che ha attraversato le mode e gli stili, senza snaturare la vocazione alla qualità ed all’eleganza, tramandando la passione del fondatore Remo Chiarugi al figlio Emiliano.

Oggi quella stessa passione è riletta in chiave contemporanea mantenendo vive quelle radici con una cifra stilistica moderna. E’ prima che designer un figlio d’arte. Emiliano ha respirato l’odore della pelle fin da bambino nel laboratorio del padre. Il suo stile nasce dalla sperimentazione e dalla creatività, due doti che nel corso degli anni gli hanno permesso di attualizzare le collezioni, secondo lo stile dei mercati internazionali.

 

Incontriamo Emiliano Chiarugi, brand Chiarugi Firenze, un maestro d’arte, una passione che gli viene dal padre Remo, una vita a studiare, creare, inventare, la trasformazione di un tema come una borsa in un intreccio di arte, moda, creatività, un imprenditore artigiano che pone la massima attenzione al passato guardando il futuro.

Emiliano Chiarugi: Vede, la Toscana e Firenze sono belle, la nostra Regione la conosco benissimo eppure la trovo ancora da scoprire, ha un fascino magico, subisco come una sorta di sindrome di Stendhal. Quando lascio l’azienda e arrivo a Firenze, da lontano, nella Piazza del Duomo, in Santa Croce, lungo l’Arno, sul Ponte Vecchio, vedo le cuspidi e il marmo bianco, i riccioli di marmo, le pietre delle scalinate, il ferro delle cancellate, la gente con naso all’insù, la statua di Dante, e “vivo” la grande lezione di cultura che questa città regala a noi toscani e a tutto il mondo che passa di qui. E poi noi che lavoriamo il pellame abbiamo un grande rispetto per la storia della pelle e della concia, se nota il mio brand si chiama Chiarugi Firenze, a Firenze la zona di Santa Croce è strettamente legata al pellame, anticamente le pelli si risciacquavano in Arno, a due passi dalla Chiesa di Santa Croce; infatti nel '300 Firenze era famosa per la produzione della pelle: dalla concia alla confezione, dalla vendita all'esportazione. Coloro che si occupavano della concia e della lavorazione delle pelli erano iscritti all'arte dei Cuoiai o Galigai, associati intorno al 1282. La concia, procedura che permette alla pelle di essere lavorata, veniva esercitata a monte e a valle di Ponte Vecchio, dove le pelli venivano messe a bagno nel letto dell'Arno.


Nel suo settore si vedono cenni di ripresa?

La ripresa c’è, specialmente per prodotti di alto artigianato, del made in Italy, anche se i momenti sono delicati per le situazioni calde nel mondo. 


Quanto la pelle è entrata prepotentemente nella moda, nel suo caso nel mondo maschile?

L’attenzione delle firme è enorme proprio sulla pelletteria, sia per il fashion che per l’arredamento e nella calzatura, diciamo un premio alla nostra grande qualità artigiana . Dal mondo delle griffe arriva un importante segnale, anche la figura maschile è entrata prepotentemente come consumatore nel mondo della borsa, consumiamo meno ma meglio, educhiamo il consumatore, spingendo sulla cultura del prodotto, in termini di qualità e pregio, rispetto dell’ambiente, delle leggi, delle persone.


Mi parli del suo Brand.

Creatività ed eleganza, anche se il brand nasce nel 1969  rimane freschissimo, si basa soprattutto sull’abilità manuale artigianale; e poi io lavoro la pelle come stoffa, creando abbinamenti come fossero tessuti, ma in tutte le mie linee inserisco dei riferimenti alla Toscana, alla nostra storia.


Che cosa è l’artigiano? Le Botteghe, I maestri d’arte toscani….

Artigiano vuol dire mani e cervello, la tecnica viene dopo, ma prima di tutto far fare alle mani quello che il cervello pensa, crea, decide, sogna…….E poi , successivamente, si pensa alla ricerca del pellame migliore, la concia, i colori vegetali, le metallerie, tutto il mondo di accessori che ruotano intorno all’oggetto finito.

Parlare dei maestri artigiani e delle Botteghe vuol dire parlare della Toscana, di Firenze che è da sempre la scuola di pensiero dei maestri d’arte, che sono nati qui, in tutti i settori: dall’arte, nascevano nelle botteghe – le “botteghe” del Rinascimento, fucine inesauribili di genio, Verrocchio, Botticelli, Ghirlandaio, Leonardo - botteghe di tutti i settori, fino alla pelletteria, come ti dicevo risalente al ‘300, e oggi le scuole di formazione, i vecchi che insegnano ai giovani, è tutto un mondo di “cultura” del lavoro, il nostro artigianato unico ed esclusivo, che tutto il mondo ci invidia; anzi, le scuole di formazione che diventano oggi  centri dove si preserva e si rinnova la cultura artigiana legata al mondo della pelletteria, che oggi suscita paradossalmente molta più attenzione all'estero piuttosto che in Italia. Il lavoro fatto fino ad oggi non potrebbe sopravvivere senza dei giovani capaci di interpretare e rinnovare questa filosofia del Made in Italy. Mentre all'estero è considerato sempre più un onore imparare a realizzare un oggetto destinato a durare nel tempo, in Italia il "glamour" dell'artigianato è ancora tutto da riscoprire.

 


CHIARUGI FIRENZE PELLETTERIA SRL 

50054 FUCECCHIO (FI) VIA G. DA VERRAZZANO, 2

39 0571 260902 - info@chiarugifirenze.it

shop.chiarugifirenze.it