SISLEJ XHAFA AL MAXXI DI ROMA

Scritto da Silvana Lazzarino il 27 Settembre 2016 •  ( Clicca sull'immagine per vederla in dimensioni reali)

VIAGGIO NEI LUOGHI DEI MIGRANTI
Accolti, rifiutati, apprezzati e spesso ingiustamente giudicati, i migranti provenienti da tutte le parti del mondo, rappresentano una porzione non indifferente della cittadinanza in diverse città italiane ed europee, essendosi insediati ormai da diversi decenni in cerca di fortuna e di protezione. Molti sono riusciti a ricostruirsi una vita attraverso il lavoro portato avanti con impegno, spesso con sacrifici e rinunce lontano dai loro famigliari, altri invece non hanno avuto questa possibilità.
Per quanti sono riusciti ad integrarsi socialmente nel rispetto dei diritti e dei doveri, la vita è ripresa e i siti inizialmente considerati come rifugio sono diventate città a pieno titolo da rispettare,  amare unitamente ai cittadini.
Questo viaggiare visto sotto un’ottica ironica e positiva in cui il migrante non perde la propria identità e in cui mantiene una dignità nel sentirsi orgoglioso di essere parte di quel determinato ambiente, è affrontato dall’artista Sislej Xhafa (Kosovo 1970), con una suggestiva mostra allestita al MAXXI di Roma al piano superiore del Museo.
La retrospettiva dell’artista kosovaro  “Benvenuto!”, curata da Hou Hanru e Luigia Lonardelli si richiama nel titolo ad una grande installazione realizzata dal Sislej Xhafa nel 2000 in occasione del progetto “Arte all’Arte”, quando scrisse a caratteri giganti la parola “benvenuto” sulle colline Senesi. Un titolo che invita all’accoglienza e all’apertura verso gli altri, tematica presente seppur in sottotraccia in tutti i lavori dell’artista a sottolineare la sua partenza dal proprio Paese d’origine per proseguire la sua formazione in Italia.
Nelle sue opere Sislej Xhafa ha trasferito le emozioni di chi è migrante e vuole conservare la propria identità pur nel passare da un paese ad un altro. Attraverso esse si colgono queste vite di uomini e donne che cercano integrazione e ascolto, senza rinunciare alla propria identità che è anche libertà. Ciò che rende le sue opere particolari toccando la realtà umana e sociale con le sue contraddizioni, è l’ironia che traspare nei titoli e alleggerisce spesso i contenuti impegnati e allo stesso tempo quel suo esprimersi  con originalità e impulsività.
Le circa trenta opere in mostra tra cui l’installazione Paradiso formata da quattro sedie e un ombrellone con scritta a neon che apre il percorso, e Association in yellow, introducono in un percorso intenso dove vengono recuperarti momenti legati al vissuto dell’artista tra identità, nazionalità, migrazioni. In Association in yellow presenta una giacca realizzata con le pagine gialle dove è stampato l’elenco degli avvocati di New York con cui vuole criticare il potere nel tentativo di umanizzarlo. Sislej Xhafa mette in discussione la realtà attraverso un linguaggio forte e incisivo, che unisce sperimentazione e provocazione, senza mai perdere di vista quella punta di ironia che silenziosa attraversa i suoi lavori.

Silvana Lazzarino

Sislej Xhafa
BENVENUTO!
MAXXI. Museo nazionale delle arti del XXI secolo
Via Guido Reni, 4-   00196 Roma
 Orari: dal martedì al venerdì e domenica dalle ore 11.00 alle 19.00,
sabato dalle 11.00 alle 22.00,  lunedì chiuso
Fino al 2 ottobre 2016