Fotografia e Scrittura - DIEGO LOFFREDO

Scritto da Occhio dell'Arte il 15 Gennaio 2013 •  ( Clicca sull'immagine per vederla in dimensioni reali)

Diego Loffredo - " Ragazzi di strada"

Per parlare di un fotografo bisogna parlare del bambino che c'é in lui. La fotografia street è una delle forme più espressive della fotografia.

È la passione di captare l'essenza di un momento che svanisce in un attimo.

E' il vero furto emotivo, furto visivo, quel rubare la vita che tanto ama il fotografo.

Ma c'é fotografo e fotografo.

Diego vive in una città meravigliosa, che in molti conoscono ma in pochi saprebbero descrivere anche solo a parole. Napoli é uno sgattaiolare di vicoli e persone che diventano un tuttuno. Napoli senza la gente, non sarebbe la stessa.

Diego - con la curiosità di un bambino - gira per la città, spesso con un grandangolare, ed entra a far parte della scena. La sua fotografia é una condivisione emotiva profonda. Adora infilarsi nelle piazze, nei vicoli, nei mercati, adora i movimenti delle persone, la gestualità, i particolari, quei dettagli del vivere in movimento che raccontano vere e proprie storie.

Non sogni, non favole.

La vita, la vita vera, quella che senti quasi il respiro, quella che senti le donne strillare, i bambini correre, gli uomini lavorare, i muri parlare.

La Street di base è una fotografia in movimento e questo vuol dire il tempo per reagire é ridotto e in quelle condizioni c'é poco da pensare, c'é da essere affamati come lui, affamati di eventi, di sguardi, di mani - di colori e prospettive.
E' un segreto, tutto suo come riesca ad essere nel posto giusto al momento giusto per raccontare le persone, quello che fanno, come si vestono, come si muovono. Cosa dicono, a volte.
Spontaneità, intelligenza, sensibilità. Questo ha Diego, questo lo rende un fotografo assolutamente speciale.

La sua street é veloce, rapida, inuitiva, creativa, una parabola sul mondo che ruota su sé stessa a partire dai suoi occhi per finire ai nostri.
C'é da ringraziare quelli come lui. Tante cose, troppe cose - ci sfuggono ogni giorno. Ci dimentichiamo di guardare gli altri, ma c'é chi lo fa e guardando la sua gallery  capirete cosa intendo.
Vedi Napoli e poi muori.

Fate gli scongiuri e godetevi la città.

(Barbara Marin)

marinforreply@gmail.com

La fotografia usata in questo blog  e' stata gratuitamente e gentilmente concessa da Diego Loffredo a Barbara Marin e rimane di proprieta' esclusiva dell'Autore dello scatto.

Vietato ogni uso improprio
 

"Occhio dell'Arte" sta anche su Facebook: iscriveteVi alla nostra pagina sociale cliccando semplicemente  "mi piace"

http://www.facebook.com/pages/Occhio-dell-Arte/365733449315

 

Per avere notizie su Diego Loffredi, consultate il  sito www.diegoloffredo.it