Premio alla Carriera a MAURIZIO COSTANZO

Scritto da Occhio dell'Arte il 01 Ottobre 2013 •  ( Clicca sull'immagine per vederla in dimensioni reali)

TRA RADIO E TELEVISIONE 

l’impegno professionale e umano di Maurizio Costanzo 


Uomo della comunicazione per eccellenza, Maurizio Costanzo, ha percorso ogni sua forma espressiva: dalla scrittura alla radio, alla televisione con rigore, professionalità e quella punta di ironia che infonde buon umore. E’ stato il primo a superare certe rigidità e schematismi insiti nella stessa comunicazione per giungere ad un dialogo aperto e spontaneo con i suoi diversi interlocutori.

Giornalista, scrittore, conduttore, docente universitario alla Facoltà di Scienze della Comunicazione, con spirito critico e creativo, ha saputo cogliere le emozioni, gli stati d’animo degli italiani e non solo. Attraverso programmi radiofonici, televisivi con la novità dei talk-show come: “Bontà loro” e  “Costanzo Show”, Maurizio Costanzo ha dato vita ad un dialogo infinito con il suoi interlocutori fissando l’attenzione  al lato umano e sociale, culturale e politico.

Un percorso a trecentosessanta gradi quello che Costanzo ha intrapreso durante la sua lunga carriera attraverso i mezzi di comunicazione mettendo a nudo la realtà umana e sociale con i suoi pregi e difetti, le sue conquiste e i suoi fallimenti, sempre con quella sottile e pungente ironia che lascia il segno.

Dopo aver dato spazio e voce a tante personalità dal mondo dello spettacolo alla politica, dallo sport alla cultura, lo scorso 27 settembre 2013 presso il Centro Congressi di Via Salaria 113 a Roma, Maurizio Costanzo ha ricevuto il premio alla Carriera, premio Gensini. 

L’incontro, tra gli appuntamenti di spicco all’interno del Nettuno Photofestival ideato dalla Dott.ssa Lisa Bernardini che ne è il direttore artistico, organizzato dal Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università “La Sapienza” di Roma diretto dal professor Mario Morcellini, è stato introdotto dal Rettore Prof. Luigi Frati che ha consegnato il premio al giornalista, scrittore e conduttore per molti anni docente di Teoria e Tecnica del linguaggio Radio-Televisivo alla Facoltà di Scienze della Comunicazione.

Accanto al Professor Mario Morcellini, all’evento sono intervenuti personalità delle istituzioni e dello spettacolo tra cui l’Assessore allo sport e spettacolo del Comune di Nettuno Luigi Visalli e il dirigente Rai Francesco Di Domenico, oltre a diversi studenti e laureati di Costanzo che hanno  preso la parola per testimoniare affetto e stima nei confronto del loro maestro, ringraziandolo per aver saputo infondere loro il rispetto, la professionalità e la sentita partecipazione nel lavoro volto al mondo della comunicazione.

Pioniere, creatore dei talk-show a partire dalla metà degli anni Settanta del secolo scorso, precisamente a partire dal 1976 con  “Bontà loro”, Maurizio Costanzo, ha sempre cercato di privilegiare la parola nella sua interezza,  cogliendo ogni sfumtura attraverso l’uso dei diversi mezzi di comunicazione. I suoi talk-show presentavano uno stile e un’impostazione completamente diversa da quelle degli attuali dibattiti televisivi dove si vedono e ascoltano solo rissosi e prepotenti attori di uno show spesso vuoto.

Costanzo nei suoi spazi televisivi ha sempre valorizzato il rapporto tra conduttore e ospiti creando un rapporto di empatia a partire dal suo voler mettere a proprio agio l’altra persona e stemperando eventuali disarmonie dialettiche tra gli ospiti. Ospiti prestigiosi e famosi legati al mondo dello spettacolo, della politica, della cultura che hanno preso parte ai suoi salotti televisivi con disinvoltura, eleganza raccontando di sé, evitando quei battibecchi che spesso ci presentano alcuni programmi di questi ultimi anni.

Maurizio Costanzo ha avuto il coraggio di valorizzare la parola nel senso di parola parlata con le sue possibilità comunicative e  questo lo ha trasmesso, insieme ad altre verità, ai suoi collaboratori e ai suoi studenti a partire dalla sua prima lezione universitaria.

A detta dei suoi studenti, presenti alla consegna del premio, la grande capacità di Costanzo è stata quella di infondere loro entusiasmo e coinvolgimento negli argomenti trattati catturando la loro attenzione.

Tutte le forme della comunicazione sono state percorse dal suo talento di autore, conduttore radiofonico e televisivo che ha scandagliato le “potenzialità della parola” impresse nella scrittura, nei gesti, ma soprattutto nella voce che può essere modulata a seconda delle situazioni. Costanzo ha reso la parola  protagonista per la sua forza nel diventare ponte di apertura e relazione con gli altri, punto di scambio e condivisione per arricchirsi interiormente. 

Con piacere possiamo seguirlo alla radio il lunedì sera a partire dalle 23.00 su RTL dove conduce un programma molto interessante e coinvolgente a cui possono partecipare i radioascoltatori.

Il suo talento che ha fatto del mezzo radio televisivo un sipario “intelligente” per raccontare la storia di tante realtà umane e sociali, lascia “senza parole” quanti lo hanno ascoltato e apprezzato e quanti ancora lo conosceranno e apprezzeranno.

(Silvana Lazzarino)

sissilazza@virgilio.it

La Fotografia usata nell'articolo di blog e' di Fulvio Pellegrini e ritrae da sx:  LISA BERNARDINI (Presidente Occhio dell'Arte e Art Director del NettunoPhotoFestival) - MAURIZIO COSTANZO - MARIO MORCELLINI (Direttore Dipartimento CoRis) - LUIGI VISALLI (Assessore Sport e Spettacolo del Comune di Nettuno)